Il Manifesto

michele corleone MONTI colore 20170207 102755 002 800x193

 

Il Rione Monti rappresenta un esempio unico: vecchi residenti e nuovi abitanti, commercianti ed artigiani, turisti e studenti convivono in un sistema equilibrato che lo rende un modello, seppur migliorabile, per il resto del Centro Storico. Un rione prossimo ai Fori Imperiali e comunque vivo e vissuto. Nessuno vuole che il tempo si fermi, ma per evitare che la storia venga travolta dalla cronaca è importante costruire una politica organica per il centro storico di Roma.

Discutere, pensare, immaginare una politica per il centro storico di Roma non significa dividere una parte della citta dal resto. Una politica per il centro storico è un’azione di cambiamento rivolto a tutta la città e non solo a quella fetta di popolazione che abita all’interno delle Mura Aureliane. Si tratta di immaginare non cosa Roma può fare per il proprio centro ma come il centro può diventare una risorsa per tutta la città.

Per tanti anni giustamente si è provveduto alla tutela del patrimonio culturale ed artistico, attraverso il restauro, la cura e la valorizzazione dei tanti monumenti presenti nell’area centrale. Oggi il Colosseo e l’area dei Fori Imperiali sono visitati da milioni di turisti ogni anno. Crediamo che sia giunto il momento in cui, finalmente, si discuta della tutela del peculiare sistema di relazioni sociali e umane che rende il centro storico non una vetrina per turisti, ma un insieme vivo e pienamente integrato dentro il più ampio sistema di relazioni urbane.

Il Centro Storico di Roma è un patrimonio di tutta l’umanità, non appartiene a nessuno in via esclusiva eppure ognuno può ancora sentirsene pienamente parte. Non appartiene soltanto ai suoi residenti, eppure sono ancora decine di migliaia le persone che lo abitano quotidianamente e che vorrebbero poterlo vivere come ogni cittadino di Roma vive il proprio quartiere, con i negozi e i suoi servizi di prossimità. Non appartiene soltanto ai commercianti e agli artigiani, eppure sono ancora in molti ad investire in questa parte di città, non solo orafi e sartorie di alta moda, ma anche macellai, fabbri, meccanici e pizzicagnoli. Non si capisce perché si fa di tutto per rendere impossibile quello che accade in altri quartieri della città dove la boutique vive accanto al ferramenta. Non appartiene ai tanti uffici pubblici che pur spadroneggiano in questa parte di città con permessi auto concessi troppo facilmente, eppur è bello sapere che ogni giorno migliaia di persone si recano in centro per lavorare, vivendo quella parte di città non solo per la passeggiata domenicale ma come una parte importante della loro esperienza di vita quotidiana.

Non appartiene sicuramente soltanto ai turisti, che pur sono linfa vitale per la nostra economia. Ma ci sarà un motivo se il tasso di ritorno dei turisti nella nostra città è molto basso e la loro esperienza si riduce ai blockbuster del turismo senza vivere l’esperienza vera della vita quotidiana nella nostra città. Sicuramente questo è il tasto dolente della politica per il centro storico. Una politica che ha privilegiato gli interessi di pochi privatizzando il suolo pubblico ad uso e consumo del tavolino di qualche ristorante di pessima qualità, una politica che ha chiuso gli occhi di fronte alle infiltrazioni malavitose nella attività commerciali del centro, una politica che ha favorita la nascita di una economica di sussistenza che si attacca ai grandi flussi turistici per raccoglierne le sempre più misere briciole. In tutto questo gli unici che ne hanno beneficiato sono stati quei pochi imprenditori del degrado che hanno sfruttato la debolezza della politica per imporre i propri interessi.

Questa deriva non deve essere attaccata solo per il degrado derivante dall’invasione di tavolini e negozi di souvenir ma per la perdita delle funzioni pregiate che il centro storico potrebbe offrire a tutta la città.

È importante discutere di come riportare la residenza nel centro storico, di come tutelare la presenza di artigiani e commercianti, di come renderlo accessibile a chi quotidianamente lo raggiunge per lavorarci, rendendo vera e piena la relazione che la città ha con il suo centro storico.

Assistiamo sconsolati al declino di Roma, ma rimaniamo fiduciosi e ottimisti sulla possibilità che possa ritrovare le ragioni del suo essere capitale d’Italia. Sicuramente non sarà l’economia di rapina che prospera nel centro storico, e in particolare nei percorsi turistici più battuti, a diventare un modello per il paese capace di ricostruire l’orgoglio della Repubblica verso la peculiarità unica della propria capitale.

Tutto può essere diverso se si mettono a fuoco i veri problemi di fondo. Salvare il centro storico dalla sua deriva esclusivamente turistica significa riscoprire il ruolo storico che Roma ha avuto nei millenni, dall’antichità latina alla storia moderna, fino alla scelta di individuarla come capitale dello Stato italiano. Roma è nel mondo, appartiene al mondo: salviamola!

 Scarica qui il Manifesto per il Centro Storico

 

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

In base alla legislazione europea in vigore, l’utilizzo di cookie all’interno di un sito internet è soggetto a una precisa regolamentazione.
Questo documento nasce dall’esigenza di uniformarsi a tale regolamentazione.

COSA È UN COOKIE

Un cookie è una stringa di testo che il sito visitato manda all’utente (generalmente al browser) per vari scopi.
Secondo le direttive del garante della privacy i cookie possono essere suddivisi in tecnici e di profilatura. 
Rientrano nella prima categoria i cookie inviati dal sito stesso per finalità strettamente connesse alla navigazione.
Può trattarsi di cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito, oppure di cookie analytics, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni aggregate sul numero degli utenti o su come questi visitano il sito web, oppure di cookie di funzionalità, utilizzati per migliorare la visione del sito in funzione di determinati criteri (ad esempio la lingua). 
Per questo genere di cookie non è richiesto il preventivo consenso da parte dell’utente alla loro installazione né è richiesta la comunicazione al garante della privacy, ma è necessario formulare la presente informativa.

Nella seconda categoria rientrano i cookie utilizzati con il fine profilare l’utente allo scopo di fornirgli pubblicità mirata in base alle sue abitudini di navigazione. 

CHI INVIA I COOKIE

I cookie possono essere inviati dal sito stesso oppure da servizi terzi a cui il sito stesso si appoggia. Il gestore del sito risponde dei cookie inviati direttamente, mentre per quelli inviati da soggetti terzi deve esserne indicata la provenienza e il link di riferimento in merito alla policy.
Rientrano fra i siti terzi anche i cookie di Google Analytics, che servono per raccogliere dati non personalizzati sulla navigazione del sito, e rientrano fra i cookie tecnici.

QUALI COOKIE UTILIZZA QUESTO SITO?

In questo sito sono utilizzati cookie tecnici, di tipo sessione, e i cookie di terze parti di Google Analytics.

I cookie di sessione servono per tenere traccia delle scelte operate dall’utente nella visita effettuata.

I cookie di tipo analytics vengono inviati da Google Analytics. Essi vengono utilizzati per avere statistiche numeriche sulle pagine visitate, sul numero di visitatori totali, sulla rete da cui provengono gli utenti, etc. Nessun dato personale è trasmesso attraverso questi cookie. Per una migliore e più completa trattazione della policy relativa a questi cookie fare riferimento ai seguenti link:

http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html

Tutti i cookie utilizzati in questo sito non inviano nessun dato personale al gestore del sito.

POSSO DISABILITARE I COOKIE?

Di default i cookie sono abilitati in ogni browser.
Questo perché non utilizzarli limita l’esperienza utente e impedisce, a volte, di poter accedere a qualche sito.
E’ comunque possibile disabilitare l’uso dei cookie agendo sulle impostazioni avanzate del browser.
E’ possibile cliccare sui link seguenti per avere istruzioni dettagliate sulla rimozione e controllo dei cookie (i link riportano a siti esterni al presente sito).

E’ possibile in oltre disattivare i cookie di Google Analytics nel browser in uso. Per ottenere questo è necessario scaricare e installare un componente aggiuntivo per il browser usato (se si utilizzano più browser l’installazione deve essere effettuata su tutti). Tale componente è scaricabile direttamente dai server di Google a questo indirizzo:https://tools.google.com/dlpage/gaoptout/

Per ogni domanda di chiarimento, Vi preghiamo di contattare l’amministratore del sito.

Rionemonti.org design by Caliagency